Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Disegno’

Notizia fresca, ma così fresca che è stata divulgata solo la settimana scorsa; ma al contempo vecchia di circa 200 milioni di anni. Avrete quindi indovinato che stiamo parlando di…fossili, e che fossili!
A quanto pare, infatti, all’inizio di gennaio, nella cava Salnova di Monte Orsa presso Saltrio (Varese), è stato individuato un blocco di calcare contenente delle ossa fossili. Ovviamente alcuni giornali hanno subito strombazzato “AL DINOSAURO!” per fare i titoloni, ma è chiaro che per stabilire se di dinosauro si tratti occorrerà attendere il termine delle lunghe operazioni di ‘estrazione’ delle ossa fossili e il loro attento studio.
È bene ricordare che a poca distanza si trova il Monte San Giorgio (così importante da essere un sito UNESCO, sito all’interno del quale ricade peraltro anche la cava in questione), dal quale solo nell’ultimo secolo sono emerse decine di rettili straordinari, che non erano però dinosauri [1]; ma il calcare bituminoso del Monte San Giorgio è triassico, mentre le rocce della cava di Saltrio sono giurassiche, per la precisione del periodo Sinemuriano (uno dei piani del Giurassico inferiore), e quindi il dubbio (e la speranza) rimane.

Perché la fantasia è subito corsa ai dinosauri? Perché vent’anni fa, proprio in questa cava, vennero effettivamente rinvenuti i resti di un vero e proprio dinosauro, e che dinosauro!
In base alla località del ritrovamento si pensò di battezzarlo, ma solo informalmente, Saltriosauro; “Saltriosauro” è infatti un cosiddetto nomen nudum, vale a dire un nome provvisorio con il quale chiamare una specie in attesa di una descrizione formale validamente pubblicata su rivista scientifica, che per ora purtroppo non è ancora arrivata. Dello studio del reperto si starebbe occupando il noto paleontologo Cristiano Dal Sasso, che ha già molto ben raccontato la storia di questo car(nivor)o estinto nella sua monografia divulgativa sui dinosauri (e altri rettili preistorici) italiani [2].
Ricapitolandola brevemente, possiamo dire che il ritrovamento avvenne in una calda domenica dell’agosto 1996 da parte di Angelo Zanella, che si occupò di recuperare il blocco di calcare contenente le ossa e, cosa altrettanto importante, di avvisare del ritrovamento Giorgio Teruzzi, il curatore della sezione paleontologica del Museo di Storia Naturale di Milano. Le ossa, ahinoi, si trovavano in un blocco che, come tanti altri, si era staccato dalla parete per lo scoppio della dinamite che viene usualmente utilizzata per frantumare i blocchi di roccia (dalla cava infatti si ricava pietrisco per la costruzione di strade; viene male a pensare che molto probabilmente “il resto dello scheletro giaccia ora macinato sotto l’asfalto di qualche autostrada lombarda o ticinese…” – cit. lett. da [2]). Per riportare alla luce quello che si era salvato, che alla fine si scoprì essere una sorta di puzzle formato da 119 frammenti di ossa, furono necessarie qualcosa come 1800 ore di preparazione mediante bagni in acido [3]. Maggiori informazioni qui (e, ovviamente, in [2]).
Dette ossa, che costituiscono nel complesso meno del 10% dello scheletro (una vera miseria, come si può speditamente verificare dall’immagine sottostante), si sono però conservate molto bene e fortunatamente comprendono diversi elementi che hanno consentito di classificarne con un buon margine di certezza il proprietario, nonché di stimarne le dimensioni intorno agli 8 metri di lunghezza.

SaltriosaurGGparz

Ricostruzione di mia mano del Saltriosauro, ampiamente basata sui resti scheletrici raffigurati in [2] e sul pannello illustrativo presente ai musei di Milano e Besano, in particolare per quanto riguarda il cranio e gli arti anteriori; per le ossa mancanti da queste ricostruzioni (sostanzialmente quelle della parte posteriore del corpo) ho fatto riferimento a scheletri di Allosaurus, dal momento che Sinraptor è considerato più ‘gracilino’ di Saltriosaurus [v. 2]. In colore più scuro sono evidenziati i frammenti di ossa fossili effettivamente ritrovati (si può notare che si tratta di una parte decisamente incospicua dello scheletro). La celebre furcula (v. sotto) non è visibile in visione laterale, in quanto nascosta dalle ossa del cinto pettorale e dell’arto anteriore.
Mi perdonino i paleontologi per le inesattezze sicuramente presenti!

Ma che cos’ha questo dinosauro di così figo, oltre ovviamente al fatto che
1) è il terzo dinosauro ritrovato finora in Italia,
2) è il più grande dei dinosauri ritrovati finora in Italia,
3) è un Teropode (= dinosauro carnivoro = fa un sacco scena col grande pubblico),
4) è veramente un gigantesco carnivoro del Giurassico, e quindi fa molto più ‘Jurassic Park’ rispetto al cretacico e piccolo Ciro,
…cos’altro avrà di così figo, dicevamo? [e nel dirlo, attenzione, scivoliamo da una visione più da “cultura di massa” a una un po’ più scientifica].
Beh: esattamente come i suoi due predecessori nell’elenco dei dinosauri rinvenuti in Italia [4], il Saltriosauro si è rivelato un unicum a livello mondiale. In questo caso in particolare, la “lucertola di Saltrio” ha infatti consentito almeno due importanti considerazioni:
5) permette di retrodatare la comparsa dei Tetanuri di almeno 20 milioni di anni (e scusate se è poco). I Tetanuri sono quel gruppo di dinosauri Teropodi dal quale sono discesi i Carnosauri (due per tutti: Allosauro e Carnotauro) e i Celurosauri (due per tutti: Tirannosauro e Velociraptor), questi ultimi – i Celurosauri – progenitori dei moderni uccelli. Fino a prima della scoperta del Saltriosauro si pensava che gli unici Teropodi esistenti così indietro nel tempo fossero i Ceratosauri, dei dinosauri carnivori più ‘primitivi’ appartenenti a un diverso ramo dell’albero filogenetico dei Teropodi. È stato possibile stabilire tutto ciò per via del ritrovamento della furcula, lo stesso osso noto come “ossicino del desiderio” nel pollo, una struttura ossea che i moderni uccelli hanno ereditato proprio dai Teropodi Tetanuri, loro diretti antenati. Il Saltriosauro è quindi la specie più antica [finora rinvenuta] del suo gruppo. Non solo: se gli studi confermeranno un’affinità del Saltriosauro in particolare con gli Allosauridi, esso risulterà anche il più antico Carnosauro.
6) dà un certo contributo per la comprensione della geografia di questa zona del mondo nel Giurassico inferiore: fino a non molto tempo fa, si pensava che in questa zona, tra Triassico e Giurassico, si trovasse solamente un pezzo di oceano con sporadici isolotti vulcanici, atolli e piattaforme carbonatiche, ma un’isola o un arcipelago di isole non avrebbero ragionevolmente potuto sostenere la presenza costante di carnivori lunghi 8 metri (e delle loro prede). È quindi probabile una presenza di terre emerse più consistenti di quanto si pensava in precedenza, almeno in quel periodo.

lavinimarco1

Impronta tridattila di Teropode ben visibile a lato del principale sentiero che attraversa il sito dei Lavini di Marco (v. sotto). Generalmente le impronte tridattile rinvenute nel sito vengono attribuite a dei Ceratosauri, ma chissà che almeno alcune non possano invece essere il segno del passaggio di un Saltriosauro, o di un suo parente, su una spiaggia giurassica…

A corroborare l’ultimo ragionamento possono contribuire anche le celeberrime piste di dinosauri dei Lavini di Marco, presso Rovereto (Trento). Qui, nel 1988, furono rinvenute inizialmente da Luciano Chemini quelle che poi si scoprirono essere intere piste di orme lasciate da dinosauri di diversi tipi (Sauropodi, Ornitopodi e perfino alcuni Teropodi con piedi a tre dita). Il calcare dei Lavini di Marco è suppergiù coevo alle rocce di Saltrio da cui sono state estratte le ossa di dinosauro, perciò la supposizione di una terra emersa di proporzioni molto più che insulari nel Nord Italia del Giurassico inferiore non è poi così peregrina. Anche se [per ora] non ci sono prove che in quel periodo l’area dell’attuale Rovereto fosse in qualche modo collegata all’area dell’attuale varesotto.
Ma anche in Lombardia si è trovata qualche prova a sostegno, in una formazione rocciosa rinvenuta sulla sponta orientale del Lago Maggiore e datata come coeva a quella nella quale era fossilizzato il Saltriosauro; lì sono stati trovati fossili di grandi piante terrestri.

Ad ogni modo, per tornare alla notizia d’apertura, staremo col fiato sospeso (io, per lo meno) ad attendere di sapere se le nuove ossa di Saltrio si riveleranno veramente così sorprendenti, sperando che in quel caso possano magari contribuire a svelare nuovi particolari sul “Saltriosauro” – del quale spero così di poter migliorare la mia dilettantistica ricostruzione – o su qualche altro dinosauro che ha calcato le medesime terre emerse 200 milioni di anni fa. E sperando anche che non sia tanto rumore per nulla come quella volta del “cranio di dinosauro” nel Duomo di Vigevano


*** Note ***

[1] Dal calcare bituminoso triassico del Monte San Giorgio è stata estratta una fauna ricchissima di rettili (sia acquatici che terrestri) come il Besanosauro, il Mixosauro, il Tanistrofeo, il Notosauro, il Ceresiosauro, il Ticinosuco ed altri, che però non appartengono all’ordine dei Dinosauri ma ad altri gruppi di rettili estinti.

[2] C. Dal Sasso, 2001, Dinosauri Italiani, Marsilio Editori, Venezia, 256 pp.
v. anche: C. Dal Sasso, 2003, Dinosaurs of Italy, C R Palevol 2: 45-66.

[3] C. Dal Sasso, L. Magnoni & F. Fogliazza, 2001, Elementi di tecniche paleontologiche, Natura 91 (1): 1-36.

[4] “Ciro” (Scipionyx samniticus), cucciolo di un piccolo Teropode rinvenuto a Pietraroja (Benevento), è unico per l’eccezionale fossilizzazione che ha preservato le tracce di diversi tessuti molli che hanno consentito molte inferenze sulla vita dei dinosauri, mentre “Antonio” (Tethyshadros insularis), adrosauro rinvenuto presso il Villaggio del Pescatore (Trieste), è piuttosto particolare dal momento che sembrerebbe un caso di ‘nanismo insulare’ in una specie di dinosauro. E poi c’è il Saltriosauro, le cui molte qualità abbiamo osannato poco sopra. Decisamente un terzetto niente male per una nazione che fino a trent’anni fa si pensava non potesse ospitare resti di dinosauri!

Stavolta ringrazio il prof. Alberto Lualdi, dell’Università di Pavia, che oltre ad avermi prestato numeroso materiale sulla paleontologia lombarda (alla quale penso di essermi così appassionato in buona parte per colpa delle sue escursioni!) ha anche fatto parte del team di esperti che ha studiato il Saltriosauro subito dopo il suo ritrovamento, in qualità di sedimentologo.

Read Full Post »

Si sente spesso dire che le migliori guide da campo sono quelle corredate da disegni (se fatti bene, ovviamente), piuttosto che quelle fotografiche, ed è una visione sulla quale mi trovo d’accordissimo. I motivi principali sono che (1) i disegni possono raffigurare meglio particolari importanti che magari sulle foto si notano poco, (2) un disegno può riassumere le caratteristiche tipiche di una specie meglio di foto di singoli individui che magari al momento in cui sono stati fotografati non le presentano tutte bene evidenti (‘la foto rappresenta un individuo, il disegno rappresenta la specie’), e (3) le tavole disegnate consentono generalmente di riportare meglio eventuali dettagli utili separati dalla figura principale. (Comunque, su questo argomento tornerò molto presto in un altro post).

Con questa prima recensione su “Naturalisti Impiccioni” intendo presentare una guida da campo che, a mio parere, rappresenta la classica ‘eccezione che conferma la regola’: si tratta infatti di un manuale sì illustrato da fotografie, ma in modo così completo da risultare bello ed utile quanto uno illustrato da buone tavole disegnate.

odonati_cover

Odonati d’Italia – guida al riconoscimento e allo studio di Libellule e Damigelle” è, come da titolo, una nuovissima guida da campo per l’identificazione degli Odonati italiani. Gli autori (Carlo Galliani, Roberto Scherini, Alida Piglia) sono tre appassionati entomologi e capaci fotografi che ormai da anni si sono specializzati nell’osservazione delle Libellule, che inseguono per tutta l’Italia, riuscendo a trovare anche le specie più rare. La loro attività, oltre che condotta in modo serio ed appassionato, è anche attenta all’ambiente e completamente rispettosa degli oggetti del loro interesse: non sono entomologi collezionisti, ma, come tanti altri appassionati, si limitano ad osservare e fotografare le specie nel loro ambiente naturale, tra l’altro con ottimi risultati.

La prima edizione dell’opera, pubblicata la scorsa primavera, è andata a ruba in pochi mesi, tanto che è stata presto ristampata una seconda edizione, che è già disponibile dall’inizio di questo mese. Il punto forte della guida, oltre ai testi chiari e concisi, sono ovviamente le moltissime fotografie, attentamente selezionate per unire alla bellezza dell’immagine nel suo complesso quell’efficacia didascalica indispensabile per una buona guida da campo; sono tutte realizzate da abili fotografi (principalmente dagli autori, ma, in piccola parte, anche da una dozzina di altri appassionati che hanno volentieri contribuito alla buona riuscita del libro), e non presentano solamente una visione d’insieme degli animali, ma, dove occorre, anche zoom su particolari utili all’identificazione. Ai testi e alle foto si affiancano piccole mappe che indicano la distribuzione regionale delle specie, mentre in capo al volume un’introduzione breve ma completa, particolarmente apprezzabile per i neofiti, introduce il lettore alla biologia degli Odonati. In sintesi, tutto un insieme di caratteristiche che ne fa un manuale senza dubbio all’altezza delle guide corredate da disegni, il cui comodo formato tascabile (21 x 14,5 cm) è la proverbiale ciliegina sulla torta.

Consideriamo infine che attualmente questa è la più completa guida da campo fotografica sugli Odonati utilizzabile nel nostro contesto zoogeografico, e soprattutto che è l’unica esistente pensata e realizzata in un’ottica esclusivamente italiana, ovverosia da italiani e per il territorio italiano. Quindi non solo una signora guida, ma anche una chicca per ora unica nel suo genere.

Il mio piccolissimo contributo all’opera è stato il disegno di alcuni schemi morfo-anatomici che nel capitolo introduttivo illustrano la terminologia ‘tecnica’ utilizzata in seguito nelle schede delle specie.

odonati_larve

Schemi morfo-anatomici delle larve di Zigottero (sinistra) e Anisottero (destra).

odonati_immagini

Schemi morfo-anatomici degli insetti adulti (“immagini”) di Zigottero (sinistra) e Anisottero (destra).

Odonati d’Italia – guida al riconoscimento e allo studio di Libellule e Damigelle
di Carlo Galliani, Roberto Scherini & Alida Piglia
Edizioni Liberia della Natura, Milano, 222 pagine

Links
Qualche pagina del libro in anteprima
Carlo Galliani – sito e pagina facebook
Roberto Scherini – sito e pagina facebook

Read Full Post »

Oggi sono cinque anni esatti che i miei amici naturalisti conoscono la mia inclinazione per il disegno, o forse dovrei dire la mia inclinazione per pasticciare con le matite su qualunque pezzo di carta abbia la sventura di capitarmi sottomano. Cinque anni esatti dalla mia prima vignetta ‘naturalistica’.

Non pretendo di essere chissacché come disegnatore, ma ogni tanto mi piace scarabocchiare un po’ per rilassarmi. Un bell’hobby, diciamo. Generalmente disegno – com’è prevedibile – soggetti naturalistici, o caricature e vignette su personaggi di mia conoscenza, e una volta sono addirittura stato coinvolto come ‘disegnatore’ in una cosa seria – e devo ammettere di essermela cavata.

Chiaramente, come penso accada a molti che disegnano, dopo un tot di tempo (dove ‘tot’ è un lasso di tempo abbastanza breve) un lavoro finito non mi piace più, anche se appena avevo finito di prepararlo mi sembrava fatto bene.

nonfinito1

Redheadness – una folta chioma rossa su modello dell’ineguagliabile Alfons Mucha e un’Averla Capirossa

Il fatto è che, non essendo particolarmente bravo ma solamente un appassionato occasionale, molto spesso il rilassamento va a farsi benedire perchè non riuscendo a disegnare un soggetto come vorrei, finisce magari che lo rifaccio N volte. Arrendersi non è contemplato, quindi si rifa finché il risultato non è, se non proprio come lo volevo, almeno accettabile. Qualche volta però ci azzecco al primo colpo e resto abbastanza soddisfatto del risultato, almeno per qualche giorno. Ma succede raramente.

L’altro problema è che ho un pessimo rapporto con il colore, ergo mi limito al disegno a matita e ad inchiostrare a tratto. E la matita, con tutte le sue sfumature e i suoi tratti passati e ripassati più volte, è molto più suggestiva delle severe linee del disegno finito inchiostrato. Per cui mi capita spesso che prima di cominciare ad inchiostrare (col trattopen, che non sono abbastanza professionale da avere le adeguate chine con punte di varie dimensioni, purtroppo) o anche a metà dell’opera mi fissi sul work in progress e…lo lasci lì, perchè mi piace di più di come sarebbe il disegno finito. Il che fa slittare ulteriormente la realizzazione del lavoro finito, ma, dopotutto, i ‘non-finiti’ sono così suggestivi, non trovate?

nonfinito2

Due work in progress di una serie di disegni “antropolichenici”: le “barbe di bosco” viste come vere barbe [1]


*** Noticina ***

[1] Si definiscono popolarmente “barbe di bosco” (“beard lichens” in inglese, “Bartflechten” in tedesco, e così via) alcuni licheni (generi Usnea e Bryoria) che hanno per l’appunto la caratteristica di somigliare vagamente a delle lunghe e folte barbe umane. Da noi si trovano generalmente nei boschi dal piano montano in su, e si riconoscono facilmente perchè penzolano dai rami, raggiungendo spesso lunghezze rilevanti – almeno relativamente alla maggior parte degli altri licheni, che sono piuttosto incospicui.

Read Full Post »