Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Natura in Lomellina’ Category

Stamane, poco dopo mezzogiorno, un nutrito stormo di Gru (Grus grus) è transitato schiamazzando a squarciagola proprio sopra il mio paesello. Parevano quasi voler attirare di proposito l’attenzione di tutti, anche se forse pochi si saranno chiesti cosa fossero, magari liquidandoli come semplici aironi.
Io ero a casa in convalescenza, lavoricchiando al computer per recuperare un po’ del lavoro lasciato indietro durante gli ultimi giorni di malattia, quando mamma rincasa da una commissione e mi fa “c’è un grosso stormo rumoroso verso la periferia”. E vediamolo questo grosso stormo rumoroso…GULP! È bastato affacciarmi alla finestra del primo piano per vedere che a poche centinaia di metri da casa, forse anche meno, sopra i primi campi oltre la vicina periferia del paese, uno stormo di Gru volteggiava lentamente e rumorosamente a bassa quota.
Dopo l’immancabile corsa a recuperare la macchina fotografica e qualche difficoltà nel bypassare le antenne del condominio di fronte a casa, occupate da alcune gazze totalmente indifferenti al grandioso spettacolo poco distante, sono riuscito a produrre qualche scatto documentativo mentre allo stormo si aggiungevano altri individui arrivati da chissà dove, continuando a volteggiare in tondo sempre sopra lo stesso punto ma innalzandosi lentamente di quota.
E dopo più di 5 minuti così, tutt’a un tratto lo stormo ha iniziato a disporsi in formazione a V e, prendendo la direzione del Ticino, è partito con decisione sorvolando esattamente prima casa mia e poi il centro del paese, per svanire infine in lontananza, in direzione del lontano fiume.
Saranno state tra le 150 e le 200 Gru, uno spettacolo grandioso e decisamente inconsueto per Tromello, dove siamo abituati agli aironi e, tutt’al più, a qualche sporadica cicogna bianca.

lomelgru1

Gru in volo sopra Tromello, 16 febbraio 2017

Inconsueto per Tromello, ma non così tanto per la Lomellina in generale, almeno negli ultimi anni.
Da qualche anno infatti è aumentato il numero di Gru che svernano nella Pianura Padana, e in particolare in questa zona della Lombardia sudorientale al confine con il Piemonte. Fino all’inizio di questo secolo era un avvenimento più che altro aneddotico, e le Gru si vedevano nelle nostre zone solamente all’epoca delle migrazioni (in ottobre e in marzo) o con qualche sbandato che decideva di svernare in qualche area protetta; ma da poco meno di una decina d’anni la situazione ha cominciato a cambiare.

Da pochi inverni (dal 2014-2015), un considerevole contingente di Gru – si parla di diverse centinaia di individui, fino a un migliaio abbondante quest’anno – ha preso l’abitudine di svernare nella golena del Po più o meno all’altezza della confluenza del Sesia, all’interno dell’importantissima area protetta del Parco Fluviale del Po e dell’Orba (v. qui e qui). Nell’altro grande parco fluviale di questa zona, il Parco del Ticino Lombardo, gli avvistamenti di individui svernanti sono diventati costanti dal 2010 [1] e negli ultimi anni sono stati osservati anche lì stormi di centinaia di individui che pernottano nella golena del Po e si spostano poi durante il giorno nelle campagne circostanti, anche di numerosi chilometri, in cerca di cibo [1].
La nostra Lomellina è proprio compresa tra la confluenza del Po con il Sesia e quella con il Ticino, per cui non è così peregrina l’idea che ogni tanto qualche gruppetto di Gru si faccia vedere in giro per le campagne. Soprattutto nella Lomellina orientale può capitare di imbattersi in individui provenienti dal battaglione svernante alla confluenza del Sesia: di giorno si disperdono per nutrirsi, di notte si ricompattano per fare ritorno ai dormitori lungo il grande fiume, veleggiando ad alta quota sopra i campi pieni di stoppie.

lomelgru3

Una coppia di Gru tra le nebbie della profonda Lomellina, gennaio 2016

La stima fatta all’inizio di questo secolo era di un massimo di 150 individui svernanti…in tutta l’Italia! (oltre a diverse segnalazioni sporadiche in Pianura Padana, sono noti diversi siti utilizzati regolarmente in Friuli Venezia Giulia, Toscana, Puglia, Sicilia e Sardegna) [2]. Segno che certamente il numero di individui complessivi è molto aumentato, visto che 150 è una stima già conservativa per lo stormo che mi vociava sopra casa stamattina.

Gli ambienti preferiti dalle Gru in inverno sono quelli aperti, non per forza umidi; paludi e acquitrini vanno bene soprattutto per passare la notte, mentre per la ricerca di cibo diurna non vengono disdegnati neanche marcite, prati e campi. La Lomellina si configura quindi come un’area ideale, con le sue distese di risaie e campi di mais che in questa stagione si estendono a perdita d’occhio, liberi o costellati di stoppie.

Non è comunque tutto rose e fiori per le Gru: la specie è purtroppo stata in costante declino numerico per secoli in Europa, principalmente a causa della perdita di habitat e della caccia diretta – le due cause principali di declino per una miriade di specie – anche se ha mostrato una lieve ripresa dagli anni ’60. Nelle aree di svernamento la mortalità è dovuta sostanzialmente al bracconaggio e alle collisioni con i cavi aerei, altri due fattori che impattano non soltanto le Gru ma molte specie animali.
Tra l’altro, nelle nostre zone, il ‘semplice’ disturbo causato dall’attività dei cacciatori sembra essere un forte fattore limitante per la presenza invernale della specie [1]: non a caso i dormitori di cui sopra si trovano all’interno di aree protette di particolare pregio naturalistico, dove ovviamente la caccia è vietata.

lomelgru2

In formazione “a V”, 16 febbraio 2017

Un ulteriore elemento di pregio, quindi, per un’area di fatto già importantissima dal punto di vista naturalistico: ricordiamo infatti che la Lomellina ospita un gran numero di garzaie, che ne fanno l’area più ricca in tutta Europa di questi particolari siti. Le garzaie sono quei siti di nidificazione in cui si riproducono gli Ardeidi coloniali (in sostanza quasi tutti gli aironi, tranne il Tarabuso e il Tarabusino), che si sviluppano come colonie di nidi sugli alberi posti intorno a zone umide (lanche o paludi). Le più importanti garzaie della Lomellina sono state protette tramite l’istituzione di SIC, ZPS o Monumenti Naturali Regionali (come nel caso della Garzaia del Lago di Sartirana).

Ora anche le Gru sembrano essersi aggiunte stabilmente, anche se solo come svernanti, all’ornitofauna della regione: segno che forse i tanti sforzi fatti per la conservazione dell’ambiente stanno cominciando a dare dei frutti.

lomelgru4

Anche queste due Gazze pretendevano il loro momento di celebrità, noncuranti delle affascinanti evoluzioni aree delle Gru sullo sfondo


***Note***

[1] Casale F., 2015, Atlante degli Uccelli del Parco Lombardo della Valle del Ticino, Parco Naturale Lombardo della Valle del Ticino e Fondazione Lombardia per l’Ambiente, 438 pp.

[2] Brichetti P. & Fracasso G., 2004, Ornitologia Italiana 2: Tetraonidae-Scolopacidae, Alberto Perdisa Editore, Bologna, 398 pp.

 

Annunci

Read Full Post »

La prima passeggiata ‘alla scoperta della natura intorno a Tromello’, organizzata su iniziativa della biblioteca comunale “R. Burchi” e che mi ha visto per la prima volta in veste di guida naturalistica sul campo, si è svolta ieri mattina lungo il sentiero che costeggia la riva destra del Terdoppio a sud dell’abitato. Il cielo piuttosto coperto, che all’inizio sembrava preoccupante e foriero di pioggia, ha avuto in realtà la sua utilità, evitandoci di arrostire sotto il sole di fine maggio.

Realizzato una decina di anni fa come percorso nel verde a breve distanza dal paese, con tanto di siepi di biancospino e rosa canina, panchine e spazi barbecue, negli ultimi anni il sentiero è stato un po’ abbandonato a se’ stesso, tanto che quest’anno non è stato nemmeno sfalciato; l’erba alta, nonostante le perplessità di alcuni, non ha comunque ostacolato la passeggiata, anzi, si è rivelata una preziosa alleata per la buona riuscita dell’evento, ospitando molti artropodi che sono stati oggetto di osservazioni ravvicinate.

passnattrom1

Il gruppo di escursionisti (foto: E. Gheza)

Dopo un’introduzione necessaria ad inquadrare la nostra situazione nel panorama europeo delle politiche ambientali (sostanzialmente un pistolotto sulla Direttiva Habitat[1]), si parte finalmente alla scoperta del sentiero con occhi nuovi! Una breve siepe di rovi ancora fioriti è l’occasione per parlare di api e sirfidi, insetti impollinatori fondamentali per l’ecosistema; i prati incolti che all’apparenza sembrano uno sgraziato insieme di erbacce troppo alte rivelano un’enorme importanza per insetti come le farfalle, e non solo; le ragnatele sospese tra la vegetazione lungo il sentiero permettono di osservare come i ragni non siano dei mostri terrificanti ma semplicemente degli animali interessanti, talvolta addirittura utili, che occupano il loro giusto posto nell’ecosistema; le fasce vegetate sulle rive dei corsi d’acqua, nascondiglio ideale per uccelli e anfibi, danno l’occasione per accennare alla rilevanza delle zone umide della Lomellina per questi animali.

passnattrom2

La Nitticora (Nycticorax nycticorax), uno degli aironi più facilmente osservabili nelle risaie tromellesi (foto: G. Gheza)

Dall’altro lato, se la passeggiata aveva come scopo primario quello di sottolineare come anche in un ambiente così impattato dall’uomo come la Pianura Padana possano esistere situazioni, anche ristrette, in cui la natura è osservabile se si ha la cognizione di dove andarla a cercare, un altro argomento molto importante che è stato sottolineato più volte riguarda il danno delle specie esotiche invasive agli ecosistemi nostrani. Abbiamo così occasione di scoprire che i musetti simpatici della nutria e dello scoiattolo grigio celano problematiche gravi, e che perfino lungo il Terdoppio sono già arrivate delle piante esotiche dannose per la vegetazione autoctona. Non è il caso di dilungarsi in questa sede, ma futuri post del blog affronteranno meglio l’argomento.

passnattrom3

La nutria (Myocastor coypus), una delle specie esotiche dannose presenti anche nelle campagne tromellesi (foto: G. Gheza)

In tutto questo, gli amici naturalisti che hanno accettato di coadiuvarmi in questa impresa non se ne stanno con le mani in mano, e acchiappano di volta in volta insetti e ragni vari che, temporaneamente intrappolati in scatoline di plastica (e poi ovviamente rilasciati al termine della ‘spiegazione’), vengono mostrati ai partecipanti. È così possibile osservare più da vicino alcuni ragni con ovisacco (il ‘sacco’ di tela con il quale alcune specie si portano in giro le uova), delle coloratissime coccinelle e lo sfavillante coleottero Oedemera nobilis.

passnattrom7

Pisaura mirabilis, femmina con ovisacco (foto: F. Grossi)

Le farfalle sono troppo sfuggenti, ma riusciamo a mostrare alcune libellule, piuttosto pigre visto il cielo coperto (sono molto più attive in pieno sole): Calopteryx splendens, Platycnemis pennipes e, a sorpresa, anche una Somatochlora metallica, solitamente volatrice instancabile, si lascia ammirare posata.

passnattrom5

Somatochlora metallica, femmina (foto: G. Gheza)

Ogni tanto nelle risaie si riesce ad individuare qualche airone, ma per lo più gli uccelli vengono messi in fuga già a distanza dall’inevitabile cicaleccio del gruppo; è comunque una situazione positiva, in quanto favorisce l’attenzione verso animali meno appariscenti e solitamente non considerati dai più – gli invertebrati, per l’appunto.

passnattrom4

Oedemera nobilis, maschio (foto: G. Gheza)

Un grande ringraziamento va a tutti gli amici che mi hanno aiutato ad acchiappare bestioline e che hanno impreziosito la mattinata con i loro interventi specialistici: Alida (che ha colmato alcune mie lacune entomologiche), Cecilia (che ci ha raccontato di come gli invertebrati dei corsi d’acqua siano ottimi indicatori di qualità ambientale), Alan (che ci ha fornito preziosi consigli per l’osservazione delle lucertole), Francesca, Giacomo, Ester; a Davide, che mi ha proposto di lanciarmi in questa esperienza; e a tutti i partecipanti, che con il loro interesse – che mi ha fatto veramente piacere – hanno in qualche modo aumentato ulteriormente la mia voglia di buttarmi nel difficile percorso della divulgazione.

passnattrom6

Una piccola nota campanilistica: il nostro paesello è citato sulla più nota guida da campo europea delle Libellule [2] come uno dei luoghi migliori per osservarle in Italia!


*** Note ***

[1] La direttiva n. 43 del 1992 della Comunità Europea, nota anche come “Direttiva Habitat”, dà istruzioni agli Stati membri per quanto concerne la protezione dell’ambiente, in particolare degli habitat naturali ‘di interesse comunitario’ e delle specie vegetali e animali di particolare interesse conservazionistico; in Lombardia, le specie tutelate dalla Direttiva Habitat sono protette dalla Legge Regionale n. 10 del 31 marzo 2008 “disposizioni per la tutela e la conservazione della piccola fauna, della flora e della vegetazione spontanea”.

[2] K.-D. B. Dijkstra & R. Lewington, 2006. Field guide to the Dragonflies of Britain and Europe. British Wildlife Publishing. 320 pp.

Read Full Post »